charta-pantheon

Pantheon

Appena entrate alzate gli occhi al cielo: sarete sorpresi da uno spettacolare raggio di luce che filtra obliquo attraverso l’ oculus , l’apertura circolare larga 9 metri sulla sommità della cupola, illuminando l’intero edificio. In caso di pioggia potrete assistere all’acqua che una volta caduta all’interno sparisce attraverso i 22 fori quasi invisibili del pavimento.

Dedicato al culto di tutti gli dèi, il Pantheon fu costruito dall’Imperatore Adriano tra il 118 e il 125 d.C. sui resti di un precedente tempio del 27 a.C  edificato da Marco Vipsanio Agrippa di cui restano ancora alcune tracce.  consacrato come chiesa cristiana nel 609, prese il nome di Santa Maria ad Martyres. Nel 1870 è divenuto sacrario dei re d’Italia, e accoglie le spoglie di Vittorio Emanuele II, Umberto I e Margherita di Savoia. Vi è anche sepolto il pittore Raffaello Sanzio. Usciti dal Pantheon, potrete rilassarvi e godere della visione del cuore di Roma seduti a uno dei tanti caffè che affacciano su piazza della rotonda.

Indirizzo

Piazza della Rotonda

Sito web:  www.polomusealelazio.beniculturali.it/index.php?it/232/pantheon

Telefono: +39 06 68300230

Orario

Tutti i giorni ore 9.00-19.30
Domenica ore 9.00-18.00
Festivi infrasettimanali 9.00-13.00
Chiuso 25 dicembre, 1 gennaio

Ultimo ingresso 15 minuti prima della chiusura